La ricostruzione delle unghie con il Gel è pericolosa per la salute: i rischi associati.

La ricostruzione delle unghie con il gel fa male? La domanda è molto semplice nella sua composizione, molto più di quanto non lo sia quella di un’unghia. La risposa lo è altrettanto: sì, perché le unghie non respirano.

Adesso qualcuna di voi scuoterà la testa, qualcuna invece strabuzzerà gli occhi, ebbene sì mie care amiche vi regaliamo questo scoop!

La più grande accusa mossa nei confronti della copertura delle unghie è quella che “urla”: “Le unghie non respirano!”

Ed è a questo punto che ci si accorge che il problema spesso è a monte. Quante di voi sanno com’è fatta un’unghia? I luoghi comuni e le “leggende metropolitane” si smobilitano con un semplice mezzo: l’informazione.

Allora guardate qui e scoprite insieme a noi com’è fatta un’unghia e cerchiamo di capire come si rigenera.

struttura-unghia

La struttura dell’unghia é così strutturata:

  • vallo ungueale
  • letto ungueale
  • matrice ungueale
  • lamina ungueale, ossia l’unghia

Quindi l’unghia é composta da grassi, aminoacidi, vitamine, acqua e minerali, oltre a diversi strati più o meno spessi di cheratina, con fibre perpendicolari rispetto alla direzione di crescita. In sostanza avete presente un fiore o una pianta? Ecco l’unghia ha una serie di “radici” più o meno grandi.

Il sangue che scorre nei vasi sanguigni al di sotto del derma da cui l’unghia riceve nutrimento è la causa del colore rosa sotto l’unghia. Quindi le unghie si nutrono, ma non respirano e hanno una crescita costante da 0,1 a 1 mm al giorno, cioè si rigenerano in continuazione.

Segui i nostri consigli su Salute e Benessere. Metti un Like 🙂

Le unghie possono tuttavia indebolirsi e tante possono essere le cause: dipende dal contenuto di acqua che contengono che varia dal 15% circa (unghie secche e fragili) fino al 25% valore che si riscontra in unghie tenere e flessibili. Da qui la necessità di usare deidratanti ossia disidratanti, detti di solito primer, durante la preparazione delle unghie prima di una ricostruzione.

Quindi possiamo affermare che un’unghia post ricostruzione può diventare debole per una serie di motivi diversi da quelli della “respirazione”. Si tratterà della limatura, della qualità di prodotti usati (raccomandiamo in questo molta attenzione, rivolgetevi sempre e solo a saloni di bellezza certificati), alla bravura dell’operatrice e ancora ai traumi che l’unghia ha subìto.

Se credete che un’unghia non trattata sia più “forte”, forse avete ragione ma se siete abituate a curare la vostra manicure e a tenerla sempre in ordine vi possiamo assicurare che sorprendere il trattamento per poi ricominciarlo non serve a nulla. La salute dell’unghia è frutto di cura e di tempo, chi meglio di voi conosce le sue mani?

Qualsiasi sia la soluzione per la quale opterete una cosa è certa: le unghie non respirano!

Inoltre, il trattamento al gel per avere unghie delle mani e dei piedi perfette potrebbe portare al cancro della pelle.

E’ quanto studiato e messo a punto da uno studio della New York University School of Medicine (Usa): se si abusa di questo sistema il rischio può essere quello di danni permanenti alle unghie: si scheggianosi indeboliscono, e possono essere soggette persino al cancro della pelle. Che la manicure con il gel possa causare il cancro non è certo, ma i medici raccomandano di proteggersi con prodotti adeguati, tanto più che i raggi emessi da questi fornetti non sono regolabili.

Luce che va inevitabilmente a colpire, oltre all’unghia, anche la cute delle mani che potrebbe bruciarsi e, alla lunga, essere esposta appunto al pericolo di tumori della pelle. Secondo Adigun, le donne che si sottopongono frequentemente a questo trattamento, esattamente come chi si espone ai lettini solari, dovrebbero dunque proteggere con cura la pelle applicando creme solari protettive sul dorso delle mani e dei piedi.

Fonte

Disclaimer: Questo articolo non e' destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.
Iscriviti alla nostra newsletter
Close