Fibromialgia: scoperta in Israele la nuova cura mediante trattamento in Camera Iperbarica.

Le donne che soffrono di fibromialgia possono beneficiare di un regime di trattamento in una camera iperbarica, secondo i ricercatori della Rice University e degli Institutes a Israele.

Uno studio clinico che ha coinvolto donne con diagnosi di fibromialgia, ha mostrato che la dolorosa condizione è migliorata in tutte le 48 partecipanti allo studio che hanno completato due mesi di terapia con ossigeno iperbarico. Le scansioni cerebrali delle donne, prima e dopo il trattamento, hanno dato credito alla teoria che le condizioni anomale nelle zone del cervello legate al dolore, possono essere responsabili della sindrome.

I risultati dello studio sono stati pubblicati dalla rivista PLoS ONE.

La fibromialgia è una sindrome caratterizzata da dolore cronico che può essere accompagnata (e forse collegata) da altre condizioni fisiche e mentali che comprendono stanchezza, deterioramento cognitivo, sindrome del colon irritabile e disturbi del sonno.

“Oltre il 90 per cento delle persone diagnosticate con la fibromialgia, sono donne”, ha detto Eshel Ben-Jacob, autore principale dello studio e professore di bioscienze alla Rice University, che ha sviluppato il metodo analitico utilizzato per mostrare l’associazione tra il miglioramento delle pazienti e i cambiamenti nei loro cervelli. Eshel Ben-Jacob è anche ricercatore senior presso il Centro della Rice di Fisica Biologica e professore di fisica e membro della Scuola Sagol di Neuroscienze all’Università di Tel Aviv.

“I sintomi di circa il 70 per cento delle donne che hanno preso parte alla sperimentazione, hanno a che fare con l’interpretazione del dolore nel cervello”, ha detto Ben-Jacob. ” Queste pazienti hanno mostrato i maggiori miglioramenti con il trattamento all’ossigeno iperbarico. Abbiamo trovato significativi cambiamenti nella loro attività cerebrale. Una varietà di trattamenti farmacologici e cambiamenti dello stile di vita sono stati utilizzati per alleviare le sofferenze di chi soffre della condizione, ma con scarso successo”.

fibromyalgiaI ricercatori del Centro per la Medicina Iperbarica di Sagol e di ricerca presso l’Assaf Harofeh Medical Center e dell’Università di Tel Aviv stavano studiando pazienti con lesioni cerebrali post-traumatiche quando si sono resi conto che il trattamento con l’ossigeno iperbarico (HBOT) poteva aiutare i pazienti con fibromialgia.

“I pazienti affetti da fibromialgia, oltre ai loro sintomi post-commozione cerebrale, hanno avuto completa risoluzione dei sintomi”, ha spiegato il dottor Shai Efrati, che ha notato i miglioramenti nella propria madre che soffriva della sindrome. Efrati è autore principale dello studio, responsabile dell’unità di ricerca e sviluppo all’Assaf Harofeh Medical Center e membro della Scuola Sagol di Neuroscienze all’Università di Tel Aviv.

Camere iperbariche che espongono i pazienti a ossigeno puro a pressioni superiori a quello atmosferico, sono comunemente usate per il trattamento di pazienti affetti da embolia, ustioni, avvelenamento da monossido di carbonio e malattia da decompressione (nota nei subacquei), tra le molte altre condizioni.

Un effetto dell’esposizione è quello di spingere più ossigeno nel flusso sanguigno di un paziente, per fornirlo in questo caso, al cervello. Precedenti prove di Efrati hanno trovato che l’ossigeno iperbarico induce neuroplasticità che porta alla riparazione delle funzioni cerebrali e ad una migliore qualità della vita in pazienti post-ictus o con lievi lesioni cerebrali traumatiche.

Segui i nostri consigli su Salute e Benessere. Metti un Like 🙂

fibromyalgia-1“Alla fine del trattamento le partecipanti hanno mostrato un notevole miglioramento dei sintomi legati alla condizione”, ha detto Ben-Jacob.

Efrati ha spiegato: “Le anomalie nelle regioni cerebrali responsabili della sensazione di dolore cronico nei pazienti con fibromialgia, possono essere innescate da eventi diversi. Di conseguenza, la risposta a lungo termine, potrebbe essere diversa. Abbiamo imparato, per esempio, che quando la fibromialgia è innescata da un trauma cranico, possiamo aspettarci la risoluzione completa senza alcuna necessità di ulteriori trattamenti con ossigenoterapia iperbarica. Tuttavia, quando la condizione è attribuita ad altre cause, come ad esempio le malattie collegate alla febbre, i pazienti probabilmente potrebbero avere bisogno di ripetere periodicamente il trattamento”.

La sperimentazione clinica ha coinvolto 60 donne che erano state diagnosticate con fibromialgia da almeno due anni prima. Circa 12 pazienti hanno interrotto il trattamento per vari motivi, mentre la metà delle 48 pazienti che hanno completato la terapia, ha ricevuto trattamenti HBOT cinque giorni alla settimana, per due mesi. I trattamenti delle pazienti consistevano in 90 minuti di esposizione a ossigeno puro a due volte la pressione atmosferica.

L’altra metà era parte di ciò che Ben-Jacob ha chiamato un gruppo crossover di controllo.

I ricercatori hanno notato che i trattamenti hanno consentito alle pazienti di ridurre drasticamente o addirittura eliminare l’uso di farmaci per il dolore.

”L’assunzione dei farmaci per alleviare il dolore, non ha invertito la condizione, mentre HBOT ha invertito la condizione,” hanno scritto i ricercatori.

fibromyalgia-3Efrati ritiene che i risultati giustificano ulteriori studi. “I risultati sono di rilevante importanza in quanto, a differenza degli attuali trattamenti proposti per i pazienti con fibromialgia, HBOT non è orientata al miglioramento solo sintomatico, ma punta alla risoluzione effettiva della causa. Vuol dire che la riparazione delle funzioni del cervello, tra cui la rigenerazione neuronale, è possibile anche per le condizioni croniche come la fibromialgia”.

Fonte

Disclaimer: Questo articolo non e' destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.
  • Riccardo Bertoncelli

    e lavorare su intestino e detossificazione?
    Perchè mi sa tanto che i problemi siano da ricercare lì…

  • Mirella Izzo

    per dirla alla Guccini (l’Avvelenata).. “tanto ci sarà sempre (…) un Bertoncelli o un prete a sparare cassate…”. La fibro è nel cervello. Ci sono miliardi di indizi che lo dicono, anzi prove ma sempre a cercare nella cacca (che ha la sua importanza per altre patologie) non ha mai dato risultati (infatti povere donne sottoposte a lavaggi e varie torture sono sempre fibromialgiche). Questo studio invece è interessante. Deve essere replicato per diventare una possibile terapia risolutiva o quasi prescrivibile…. Io ci proverei domani

Iscriviti alla nostra newsletter