I 5 (+2) tibetani: gli esercizi per riattivare la tua energia.

I 5 riti tibetani (che originariamente erano 7) sono semplici ma potenti esercizi che puoi fare ogni mattina per rimettere in moto la tua energia. Una semplice pratica dai grandi benefici, un elisir di lunga vita!

I 5 riti tibetani

I 5 riti tibetani sono una pratica che nasce dalle antiche arti orientali tibetane, è un rituale che permette di riattivare il flusso dell’energia nel corpo attraverso cinque esercizi in sequenza che, come da tradizione, vengono ripetuti per un massimo di 21 volte.

I 5 riti tibetani sono un elisir di giovinezza e di lunga vita, ma anche se l’effetto e il beneficio lo percepisci dalla prima volta, è bene praticare gli esercizi per qualche settimana in modo costante, aumentando la sequenza di ogni esercizio fino a 21 volte.

Sono esercizi semplici che puoi imparare a fare autonomamente in modo graduale, iniziando con sequenze minori, in base al tuo sentire.

Il filo conduttore è la respirazione, infatti gli esercizi sono costituiti da due posizioni, tra le quali ci si alterna, inspirando ed espirando. Questi movimenti vanno ad agire su tutti i muscoli e le articolazioni del corpo e percepisci da subito un senso di rinvigorimento e benessere.

Questa pratica mette in moto l’energia in tutti i sette chakra (i centri energetici del nostro corpo), armonizza l’energia vitale e ossigena tutti gli organi.

Vediamo come si praticano gli esercizi.

Le posizioni dei 5 tibetani

Ho creato le illustrazioni delle posizione dei 5 tibetani di base e allego anche un video dove puoi vedere come svolgere gli esercizi in modo corretto.

Segui i nostri consigli su Salute e Benessere. Metti un Like 🙂

Alcuni consigli:

  • E’ preferibile praticare i 5 tibetani la mattina, meglio se a stomaco vuoto.
  • Non partire con la sequenza di 21 ripetizioni se non sei allenato, inizia con ciò che è giusto per te e aumenta gradualmente.
  • Man mano che pratichi concentrati sempre di più sui movimenti e sulla respirazione e cerca di percepire l’energia degli esercizi ogni volta che ne termini uno.

Prova a fare gli esercizi dei primi cinque tibetani, non ti serviranno più di 15 minuti e scoprirai una pratica molto efficace per il tuo benessere.

I 2 tibetani in più

In realtà però i riti tibetani originariamente erano sette, ma nei vari passaggi questi ultimi due fondamentali esercizi non sono stati sempre trasmessi.

Il sesto tibetano è chiamato “il respiro del fuoco”, un particolare esercizio per “massaggiare” gli organi interni, comune anche alla pratica dello Yoga (Uddiyana Bandha). Questo esercizio consiste nello svuotare completamente l’addome dall’aria e roteare i muscoli addominali per ossigenare e rivitalizzare gli organi interni. E’ l’esercizio che più di tutti aiuta nel rallentare l’invecchiamento mantenendo giovani i tessuti e gli organi.

E’ un esercizio che richiede un po’ di pratica per essere imparato al meglio ma è davvero potente. Ti allego un’immagine dimostrativa e un link ad un video dove puoi vedere questo esercizio.
Video sesto tibetano (vai al minuto 30 circa)

Uddiyana Bandha – Il respiro del fuoco

Il settimo tibetano è una meditazione, per concludere la sequenza. Ci sono varie tecniche di meditazione ma i benefici sono molti ed è il modo migliore per percepire e godere delle energie appena risvegliate.
E’ una buona pratica che ti consiglio di fare tutti i giorni, per sperimentare i grandi benefici che puoi trarne da subito come: ritrovare la pace interiore, armonia, consapevolezza, concentrazione, ecc…
Se non hai mai meditato potresti provare una meditazione semplice da fare a casa; meglio ancora se con musica a 432 hz, la frequenza armonica che favorisce equilibrio e armonia.
Prova questi fantastici esercizi, non fermarti alla pratica solo dei primi cinque esercizi tibetani, ma esegui tutta la sequenza completa dei 7 riti per trarre il massimo da questi fantastici esercizi di ricarica energetica.

Fonte: Visione Olistica

Disclaimer: Questo articolo non e' destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.
Close